Mentoplastica e Malaroplastica (rimodellamento degli zigomi)

Mentoplastica e Malaroplastica (rimodellamento degli zigomi)

Il mento se non è ben proporzionato a bocca, naso occhi e fronte, puo’ compromettere l’armonia del viso,
(profiloplastica).
La chirurgia del mento detta Mentoplastica permette di correggere un mento troppo sproporzionato. Si ottiene mediante l’inserimento di un impianto per via endorale o attraverso l’osteotomia del segmento inferiore del mento e la sua osteosintesi ossia riposizionamento, con placche e viti in titanio.
Ci sono molti tipi di impianti, fabbricati nei più diversi materiali. Essi svolgono tutti la stessa funzione:
devono allungare la linea della mandibola piuttosto che a portare un mento o degli zigomi in equilibrio
con il resto del viso. Spesso quest’intervento è fatto in concomitanza con una rinoplastica o un lifting
facciale o una blefaroplastica.

Aumento degli zigomi

E’ l’intervento chirurgico che permette di dare una migliore definizione al profilo appesantito dall’età o
anche da un trauma. Viene spesso associato ad altri interventi chirurgici come la rinoplastica o il lifting.
Gli zigomi sono importanti punti di luce del viso. Quando sono sfuggenti il volto appare piatto e stanco.
Restituire o dare pienezza agli zigomi e guance contribuisce a valorizzare sguardo, naso e sorriso
nell’equilibrio del viso. L’aumento degli zigomi si può ottenere mediante l’introduzione per via endorale o
palpebrale di impianti biocompatibili permanenti di varie forme e misure. Se non si vuole ricorrere ad un
impianto protesico si può eseguire il riempimento dell’area zigomatica con i filler.

L’Anestesia

La maggior parte degli interventi di impianto di protesi mentoniera e zigomatica vengono effettuati in Anestesia Locale, ma possono essere condotti anche in Anestesia Generale come per l’osteotomia ed osteosintesi mentoniera.

L’intervento chirurgico

Per il Mento: Dopo aver selezionato il tipo e la grandezza dell’impianto, si effettua un’incisione creando cosi’ una tasca all’interno della bocca, nell’area subito davanti al mento. L’incisione endo-orale viene suturata ed una piccola medicazione viene preparata per evitare dislocazioni della protesi nell’immediato post-operatorio.

Per gli Zigomi: L’intervento consiste nel posizionare sotto la muscolatura della regione zigomatica una protesi a contatto con l’osso. Si effettua un’incisione all’interno della guancia, vicino al solco gengivale in corrispondenza dei premolari superiori. Tagliata la mucosa e il tessuto sottostante ci si trova sul piano osseo, si crea una tasca di forma e dimensioni adeguate per mettere la protesi. Una piccola medicazione viene applicata, dopo aver riaccostato i margini dell’incisione, per evitare dislocazioni nell’immediato post-operatorio. Ogni aspetto dell’intervento va sempre approfonditamente esaminato caso per caso e discussi con il chirurgo in sede di consultazione.

Il post-operatorio

Il dolore in entrambe le procedure è praticamente assente ed il fastidio è ben controllato dalla terapia farmacologica. L’edema si riduce nel giro di pochi giorni ed i punti non vengono rimossi perché sono riassorbibili. Nei primi giorni ci sarà una diminuzione delle capacità di movimento buccale o mimico del viso. Evitare esposizioni al sole.

Complicanze

Negli interventi di profiloplastica si può avere una lieve dislocazione dell’impianto che può richiedere un nuovo intervento. Se si sviluppa un’infezione può essere necessario, anche se si instaura una terapia antibiotica, rimuovere l’impianto temporaneamente, per poi riposizionarlo in un secondo tempo.