Rinoplastica

La rinoplastica è l’intervento chirurgico estetico che consente di correggere i difetti della forma o delle dimensioni del naso.

Con la rinoplastica si può ridurre o aumentare le dimensioni del naso, modellare la forma della punta o del dorso, restringere le narici, modificare l’angolo tra il naso ed il labbro superiore, rimuovere il gibbo nasale.

La rinoplastica viene eseguita anche per migliorare la funzionalità nasale, infatti quando oltre al difetto estetico, esiste una difficoltà respiratoria, si esegue durante lo stesso intervento anche la settoplastica combinando così la correzione del difetto funzionale e il modellamento estetico attraverso un intervento chiamato rino-settoplastica.

L’intervento di rinoplastica puo’ essere effettuato a partire dai 16 anni di età, preferibilmente non prima sia per problemi di accrescimento delle strutture ossee, quanto per avere certezza della coscienza e della volontà propria di eseguire l’intervento.

L’importante che i pazienti cercano un miglioramento e non necessariamente la perfezione nel loro aspetto fisico.

Valutazioni pre-operatorie

Il medico chirurgo effettua diversi tipi di valutazioni pre-operatorie, tra cui quella funzionale in quanto il naso è principalmente un organo respiratorio, una valutazione estetica, corredata da foto per studiare le proporzioni del viso in modo da valutare l’entità della correzione e, una valutazione anatomipsichica per analizzare motivazioni ed aspettative del paziente.Il nuovo profilo terrà conto dei desideri del paziente, ma soprattutto della struttura anatomica e delle dimensioni della fronte e del mento (profiloplastica)

L’Anestesia

L’intervento di rinoplastica è generalmente eseguito in Day Hospital in Anestesia Generale.

L’intervento chirurgico

La procedura chirurgica richiede in genere circa 1 ora massimo 2 ore in caso di rino-settoplastica. Le incisioni vengono effettuate all’interno del naso e quindi non lasciano cicatrici visibili. La tecnica prevede che la parte cutanea sia separata dalla struttura ossea e cartilaginea di sostegno, che viene rimodellata secondo la pianificazione pre-operatoria. La cute viene poi ridistribuita sulla nuova impalcatura. In alcuni casi è necessario praticare una piccola incisione esterna (lungo la columella e le narici). Dopo l’intervento il naso viene medicato con dei cerottini ed una mascherina protettiva di gesso o di materiale plastico che viene rimossa dopo una settimana.

Vengono inoltre posizionati dei piccolo tamponi nasali, per proteggere il setto. Ogni aspetto dell’intervento va sempre approfonditamente esaminato caso per caso e discussi con il chirurgo in sede di consultazione.

Il post-operatorio

E’ buona norma dopo un intervento di rinoplastica applicare compresse gelate per controllare gonfiore ed ecchimosi nell’immediato post-operatorio. Il dolore è praticamente assente ed il fastidio è ben controllato dalla terapia farmacologica. I tamponi vengono rimossi in 2°-3° giornata, mentre la mascherina si toglie dopo 7-9 giorni. Le ecchimosi (gonfiori) tendono a scomparire in 2 settimane, ma l’edema (macchie bluastre) del naso regredisce piu’ lentamente. Il risultato definitivo è apprezzabile già dopo 2 settimane. Al fine di permettere una guarigione ottimale è necessario evitare l’esposizione al sole e quelle attività che provocano un aumento della pressione sanguigna almeno per le prime settimane.

Complicanze

Quando l’intervento di rinoplastica è effettuato da un chirurgo esperto e qualificato, le complicanze sono rare e minori. Ciononostante, come in ogni intervento chirurgico, possono manifestarsi complicanze generiche legate al tipo di intervento eseguito. In alcuni casi possono verificarsi piccole irregolarità del profilo in tali casi può essere necessario un intervento correttivo minore.